economiaelavoro.comune.milano.it/news

economiaelavoro.comune.milano.it/news

Milano riparte dal lavoro delle donne

Women at Business insieme al Comune di Milano per un progetto concreto di crescita e inclusività sociale.

È all’interno delle politiche attive del Comune di Milano, dedicate alla ripartenza ed al reimpiego delle professionalità femminili, che nasce una nuova collaborazione tra il servizio di WomenAtBusiness e il Comune di Milano.

Un traguardo che riempie di orgoglio le fondatrici del progetto Women at Business- partito lo scorso settembre con l’intento di diventare il servizio dedicato alla valorizzazione delle competenze femminili in risposta alle necessità dei progetti d’impresa - e che oggi le vede impegnate in un progetto che vive sotto l’insegna della “crescita sostenibile”. Un’intesa dedicata alle professionalità al femminile, alla quale Women At Business partecipa mettendo a disposizione dello Sportello Lavoro e del percorso formativo del Comune di Milano la propria idea innovativa di utilizzare il sofisticato algoritmo di matching che fornisce le combinazioni migliori tra competenze femminili all’interno del data base e i progetti aziendali.

Insieme al Comune di Milano quindi per favorire l’inserimento o reinserimento lavorativo e la qualificazione o riqualificazione professionale delle donne, partendo da un cronoprogramma tutto incentrato sul rilancio delle attività e dell’occupazione femminile post-pandemia.

Una progetto di sostenibilità sociale delle competenze femminili Together, To Get her ; insieme per una ripartenza economica di Milano, e di tutta l’Italia, che punti davvero su tutte le forze in campo e sulla forza, energia e competenze di ogni singola donna.

Da questa missione condivisa, prende il via un “protocollo d’intesa” una collaborazione tra Women at Business e Comune di Milano - in seno all’Assessorato delle Politiche attive del Lavoro, guidato da Cristina Tajani.

Gli sportelli del lavoro del Comune avranno quindi a disposizione uno strumento in più per aiutare le donne a trovare un progetto professionale. L’iscrizione a Women at Business per le donne è gratuita. Le donne si iscriveranno selezionando il codice ForMI al fine di poter fornire al Comune un report di match avvenuti e accettati.

Women at Business e Comune di Milano, insieme dunque per una ripartenza inclusiva e partecipata che metta al centro delle politiche del lavoro uno sviluppo sostenibile.

WomenAtBusiness (WAB) nasce il 14 febbraio 2020 da una idea di Laura Basili e Ilaria Cecchini che – seguendo i principi chiave di innovazione, accessibilità, inclusione e sostenibilità sociale - decidono di dare vita ad un progetto per valorizzare e fare circolare le competenze delle donne mediante un nuovo paradigma basato su competenze e progettualità.

WomenAtBusiness è la prima community di donne e aziende che utilizza l’innovazione di un algoritmo proprietario di matching che in modo efficace ed efficiente propone la combinazione migliore tra due database: uno di competenze femminili e l’altro di progetti aziendali alla ricerca di tali competenze.

Un progetto di economia circolare virtuosa basata su competenze altrimenti inutilizzate e perse. Le donne a casa con competenze ed esperienze alle spalle o giovani donne che hanno appena finito il proprio ciclio di studio in cerca di un progetto da cui partire sono tante, troppe. Le donne iscritte al database WomenAtBusiness oggi sono più di 4000 e circa 100 i progetti aperti.

WAB con il suo Manifesto Together, To-get-her è uno strumento concreto per aumentare l’occupazione femminile e per attuare l’obiettivo numero 5 (SDG#5) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per un futuro più sostenibile.
 

Posta un commento